nuiSense è stato scelto come soluzione software multi-touch per il progetto dell’attivista Christopher Porter che ha installato all’Hillside Center in Victoria (Canada). Siamo orgogliosi di aver partecipato a questo importante progetto tecnologico che mostra come la tecnologia può essere usata per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi riguardanti la salvaguardia dell’ambiente. Di seguito proponiamo la traduzione dell’articolo in lingua inglese che potete leggere su Times Colonist.

Un enorme schermo installato all’Hillside Center metterà in mostra i video dal Mar Salish nell’ultima campagna di Christopher Porter per aumentare la consapevolezza della fragilità del Pacifico. Porter, 44 anni, una volta addestrava orche in acquari. È stato raccontato nel film documentario Blackfish del 2013. Oggi è un attivista che si adopera per la protezione delle orche nel loro ambiente marino. L'obiettivo del progetto OceanWall nella zona ristoro dell’Hillside Center è di "portare all’attenzione del pubblico la natura selvaggia e di comprendere la natura così com’è", ha detto Porter. Egli ritiene che la maggiore conoscenza e la valorizzazione dell'ambiente contribuirà a preservare e aiutare le specie in pericolo.Porter vuole portare il pubblico a "capire gli animali che stiamo cercando di proteggere".

Le immagini mostrate sono di diverso genere, da balene e lontre, a orsi grizzly che banchettano con salmone. Il messaggio avrà molta esposizione.

Ci sono più di cinque milioni di visitatori all’Hillside Center ogni anno. I visitatori vedranno i video della vita marina nel Mar Salish visualizzati su un videowall composto da nove schermi per un totale di 2,1 metri di larghezza e 3,7 metri di altezza. Due lavagne interattive multi-touch, prodotte da iBoard Canada Manufacturing Inc., sono una parte fondamentale del OceanWall. Si tratta di strumenti educativi per i giovani, che potranno vedere i video preferiti riprodotti sul maxi schermo e permetterà loro di consultare diverse informazioni.

Ex responsabile addestratori presso l'Acquario di Vancouver e addestratore nell’acquario pubblico Sealand of the Pacific a Oak Bay, Porter si è trovato nel bel mezzo di un tumulto internazionale a metà degli anni 2000 per via della cattura di delfini vicino alle Isole Salomone per conto dell'industria del turismo. In seguito al commercio dei delfini divenne un attivista per la tutela di questi mammiferi marini.

Il documentario Blackfish è incentrato sulla tragica storia dell’orca Tilikum, che una volta viveva a Sealand. L’addestratore Keltie Byrne annegò nella piscina di Sealand occupata da Tilikum e altri due orche nel 1991. L'anno successivo, Tilikum è stata spostata a SeaWorld Orlando, in Florida, dove vive ancora oggi. Nel film, Porter ha raccontato il suo addio a Tilikum in Oak Bay, dicendo in lacrime, "OK, Tilly, stai andando a Disneyland. Sei fortunata!”.

Porter è tra un gruppo di investitori dell’Isola di Vancouver che hanno fondato quest’anno WildVision Edutainment. L'Hillside OceanWall è il loro prototipo. I costi delle attrezzature totale potrebbero raggiungere i 120.000 dollari, ha detto. I video possono durare da alcuni secondi fino a cinque minuti. I collaboratori hanno fornito il contenuto e il pubblico potrà inviare i video a WildVision per essere visti sul grande schermo. Un kayaker con un GoPro, per esempio, potrebbe inviare il video. La società sarà in grado di dire alla gente che ora i loro clip sono in esecuzione, da notare che il repertorio sarà aggiornato regolarmente. Non saranno raccontati i Video. Ulteriori informazioni saranno consultabili sugli schermi interattivi sotto il grande display.

Nel 2015 Porter ha in programma di portare esperti per parlare di questioni che riguardano l'ambiente marino. OceanWall rimarrà nel centro commerciale per cinque anni. Porter spera di portare OceanWall in altri luoghi come stazioni termali, hall di alberghi e palestre. Sta anche proponendo alle scuole le lavagne interattive.

Michele Paget, direttore marketing per l’Hillside Center, ha detto in una dichiarazione: "Il centro commerciale è sempre stato un posto per aggregare le persone. Ora, grazie a OceanWall, siamo in grado di offrire un'esperienza unica ai nostri clienti. Ora abbiamo la possibilità di educare e arricchire la vita dei nostri visitatori".